,

Le 10 migliori mete italiane per un turismo enogastronomico

turismo enogastronomico

Italia: meta indiscussa di un turismo enogastronomico che non conosce crisi

Italia: meta indiscussa di un turismo enogastronomico che non conosce crisi

Non solo arte, cultura e storia, il bel paese è un tripudio di buon cibo e buon vino

Dove andare per una full-immersion con il gusto più autentico dell’enogastronomia italiana?
Praticamente ovunque, da nord a sud, isole comprese, l’Italia per quanto famosa sia non smette di stupire, complice l’inesauribile estro e l’impegno degli addetti al settore. A seguire proveremo a riassumere in 10 punti le tappe fondamentali del turismo eno-gastronomico in Italia.

  1. Napoli e la Campania in generale perchè oltre la pizza, questa regione ha tanto altro da offrire, sia in fatto di prodotti di terra o di mare che in materia di vini. Da provare un buon piatto di friarielli, verdure tipiche del luogo accompagnate da un Taurasi, vino rosso DOCG.
  2. Palermo vanta una gastronomia eccellente e ha fatto dello street food un’arte, un rito, qualcosa a cui non si può dire di no. Un cono di pesce fritto o un polpo con olio e limone uniti alle fresche note di un calice di Grecanico è un’esperienza che auguriamo a tutti.
  3. Il Buio vi avvolgerà per aroma e sapore se farete tappa in Sardegna, stiamo parlando di un vino rosso intenso che di più non si può. Perfetto in combinazione con il maialino sardo o la pecora, i piatti forti dell’isola.
  4. I vini dei colli, il prosciutto crudo e il Parmigiano Reggiano vi attendono a Parma per un’apericena con i fiocchi.
  5. Alba, gioiello del Piemonte dove regna una cucina a base di saporiti risotti, tante varietà di funghi, il pregiato tartufo bianco, gli agnolotti, la polenta e tanto buon vino: Barbera, Barolo, Grignolino sono solo alcuni esempi.
  6. Timballo di selvaggina, polenta bianca o gialla, faraona col midollo di bue, anatra, lepre, accompagnati da un Valpolicella o un Bardolino vi attendono a Verona.
  7. Di tradizione fortemente popolare e contadina è la cucina laziale. Bucatini all’amatriciana, rigatoni alla carbonara, la coda alla vaccinara, la porchetta, il pecorino romano, tutti piatti da assaggiare e meglio se con un Castelli Romani rosso.
  8. Girando l’Italia alla ricerca del gusto non possiamo tralasciare Bari e le orecchiette al sugo con gli involtini o con le cime di rapa, le braciole di cavallo, le cozze fritte, i polpetti in umido, i lampascioni al forno. Da provare con un bicchiere di Gioia del Colle.
  9. Merita una visita anche Trento: buonissimi i canederli in brodo, con un calice di Muller-Thurgau è il top.
  10. Non potevamo non nominare Firenze: un susseguirsi di enoteche e osterie dove gustare un Chianti o un Brunello di Montalcino e un buon piatto di baccalà, una bistecca alla fiorentina o un lampredotto.