Settore Food e Beverage: una moda o una reale opportunità lavorativa?

Settore Food e Beverage una moda o una reale opportunità lavorativa

Oggi il settore del Food e Beverage è in notevole sviluppo analizziamone i pro e i contro.

Sembra che allo stato attuale delle cose il cibo e, ovviamente le bevande, facciano parte dell’unico, o quasi, settore che tira e per il quale gli imprenditori stanno investendo in maniera crescente, direi quasi esponenziale. Ma si tratta solo di una moda del momento oppure può essere una vera e propria opportunità lavorativa, soprattutto per i giovani che sono alla ricerca di un primo lavoro e che desiderano mettere in pratica la propria passione per la cucina?

Molti giovani infatti, oggi, sulla scia di questo trend, pensano che diventare chef sia la propria aspirazione e lo ritengono un lavoro davvero affascinante.

 

Rispondiamo a qualche domanda comune.

  • È proprio tutto vero e facile così come sembra da ciò che ci propongono i media?

Per capire come riuscire a lavorare nell’ambito del food occorre non solo avere dei precisi criteri, ma bisogna possedere una grande passione, perché si tratta di una “vocazione”, un lavoro faticoso e che coinvolge e stravolge tutta la propria vita. Un lavoro da non prendere a cuor leggero, da ponderare e, nel caso lo si scelga, da buttarsi a capofitto senza dubbi o rimorsi.

  • Come si fa a diventare chef? Come muoversi per intraprendere questa affascinante carriera?

Sui fornelli così come nella vita, sicuramente le opportunità non vengono fuori dal nulla, anche se le prospettive di lavoro e di carriera nel settore food sono tante e le più svariate. I profili che risultano più richiesti, sono quelli di chef, chef de rang, capo sala e infine di food e beverage manager. Quest’ultimo è colui a cui viene affidata la responsabilità sia della conduzione che della pianificazione dei servizi di ristorazione nell’ambito di un’organizzazione piuttosto complessa secondi gli standard sia di qualità, che di quantità che di costo. Per accedere a queste professioni oltre alla passione servono tutte le skills che risultano adatte per essere assunti nei colossi del food così come in ogni ristorante della propria città.

Lavorare per grandi brand del food e beverage offre opportunità sia nel caso della prima occupazione, anche part-time, sia se si desidera fare carriera come manager. Esiste anche la possibilità di fare degli stage formativi sia in Italia che all’estero al fine di integrare e ampliare il proprio curriculum, soprattutto per i giovani che esordiscono sul mercato lavorativo.

Riassumendo i principi fondamentali che servono per riuscire a lavorare nel settore del food e beverage occorre dire che innanzitutto è indispensabile la passione, ma servono anche moltissimo impegno, una grande dedizione e tanto lavoro anche di equipe!